Un po’ uccello, un po’ pesce

Come si fa a distinguere un uccello da un pesce? La domanda sembra banale: se è un pennuto col becco che vola, allora è un uccello, se viene pescato con le reti, allora è un pesce. Se si può mangiare durante la Quaresima, è un pesce, se no, è un uccello.

Se invece si tratta di un pennuto col becco che vola, che viene pescato con le reti e si può mangiare durante la Quaresima, allora è la folaga.

Sul lago d’Iseo la folaga è ritenuta un po’ uccello e un po’ pesce, quest’ultimo perché ogni tanto, nell’intento di procurarsi il cibo come ad esempio delle alghe, s’incastra a sua volta nella rete dei pescatori, col risultato di venire pescata insieme ai pesci, quelli veri. La sua reputazione anfibia si spinge al punto da consentirne la consumazione anche durante la Quaresima. In fondo si tratta di un pesce. O di un uccello?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: